Azione del Programma Operativo 1.5.1 – Sostegno alle infrastrutture della ricerca considerate strategiche per i sistemi regionali ai fini dell’attuazione della S3
Risorse finanziarie disponibili 56.062.269,00
Tipologia di aiuto In esenzione Reg.UE n.651/2014
Categoria di aiuto Articolo 26 – Aiuti agli investimenti per le infrastrutture di ricerca
Tipologia beneficiari Imprese, Parco Scientifico e Tecnologico (PST), Aziende sanitarie, Enti e Fondazioni di ricerca Pubblici e Privati.
Settori ammissibili

Classificazione per sezioni Ateco

Codici Ateco esclusi Sono esclusi dall’ammissione a contributo i progetti presentati da imprese appartenenti ai seguenti

settori di attività:

settore della pesca e dell’acquacoltura;

settore della produzione primaria di prodotti agricoli;

Tipologia di intervento finanziabile Si intende realizzare il completamento, la riqualificazione e il potenziamento di infrastrutture regionali di ricerca il cui orientamento scientifico ricade nei 6 ambiti tematici prioritari della S3 Sicilia e, in coerenza con il disegno strategico di complementarietà prefigurato dal Piano Nazionale delle Infrastrutture di Ricerca- PNIR 14-20, non già inclusi nell’elenco delle IR di rango strategico nazionale e oggetto dell’intervento di sostegno del PON Ricerca e sulle IR di rango strategico regionale, in un rapporto di stretta funzionalità al consolidamento delle 6 traiettorie tematiche di innovazione individuate nel percorso di definizione della S3.
Soglia di investimento 20 milioni di euro per infrastruttura
Spese ammissibili/spese non

ammissibili

I costi ammissibili corrispondono ai costi degli investimenti materiali e immateriali.

Non sono ammissibili a contributo FESR:

a) interessi passivi, a eccezione di quelli relativi a sovvenzioni concesse sotto forma di abbuono

d’interessi o di un bonifico sulla commissione di garanzia;

b) l’acquisto di terreni non edificati e di terreni edificati per un importo superiore al 10 % della spesa

totale ammissibile dell’operazione considerata. Per i siti in stato di degrado e per quelli precedentemente adibiti a uso industriale che comprendono edifici, tale limite è aumentato al 15 %. In casi eccezionali e debitamente giustificati, il limite può essere elevato al di sopra delle rispettive percentuali di cui sopra per operazioni a tutela dell’ambiente;

c) imposta sul valore aggiunto salvo nei casi in cui non sia recuperabile a norma della normativa nazionale sull’IVA.

Procedure Procedura valutativa – a graduatoria
Forme del contributo Contributo in conto capitale
Intensità massima di aiuto o aiuto

massimo concedibile

L’intensità di aiuto non supera il 50% dei costi ammissibili
Requisiti di ammissibilità Requisiti di ricevibilità/esclusione della proposta

• Rispetto delle modalità e della tempistica di presentazione del progetto e della relativa documentazione.

• Conformità con la normativa in materia di Aiuti di Stato e Appalti e adempimenti da parte del beneficiario per il rispetto della normativa suddetta.

• Rispetto, per interventi in materia ambientale, delle norme per l’accesso al finanziamento UE e nazionali in materia di Ambiente, in particolare della Direttiva 92/43/CEE per gli interventi ricadenti nella Rete Natura 2000;

Requisiti del soggetto proponente

• Eleggibilità del soggetto proponente sulla base di quanto previsto dal PO e dalla procedura di bando [es. dimensioni dell’impresa (PMI e grande impresa), forma giuridica ed eventuale forma associativa richiesta dall’avviso pubblico;

• Capacità finanziaria e tecnico-amministrativa (laddove applicabile)

Requisiti del progetto/operazione

• Rispondenza del progetto alle azioni, finalità, territorio di riferimento e categorie previste nel PO e nell’avviso;

• Ubicazione dell’intervento nel territorio regionale, fatti salvi i casi regolamentati dall’art. 70.2 del Reg. UE 1303/2013 e i casi previsti dalla normativa sugli aiuti di stato.

• Coerenza degli investimenti con la Strategia Regionale dell’innovazione per la specializzazione S3 (laddove applicabile)

• Coerenza rispetto alle disposizioni in materia di cumulo (art 65, comma 11 Reg 1303/13)

• Osservanza dei criteri di demarcazione con l’utilizzo degli altri fondi per quanto riguarda la categoria dei beneficiari e/o la tipologia di intervento

• Osservanza delle disposizioni in materia di ammissibilità delle spese per gli interventi cofinanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei

• Osservanza delle disposizioni in tema di concorrenza, e appalti pubblici

• Impegno al rispetto delle disposizioni in materia di informazione, pubblicità e monitoraggio degli interventi cofinanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei

Criteri di ammissibilità specifici

• Coerenza con gli ambiti tematici individuati dalla S3

• Disponibilità di un piano di sviluppo dell’infrastruttura corredato da un accordo con imprese che manifestano interesse al suo utilizzo

Criteri di selezione N.B. Le infrastrutture risultano già individuate dalla Amministrazione a seguito di manifestazione

di interesse e inserite all’interno del PNIR

Criteri di premialità

Tipo utente
aziendaprivatoassociazione/sindacatoprofessionistacaf/patronatocondominio

Protoddo/servizio/professione

Cosa potrebbe servirti?
informazioni su bandi specificiprogettazionericerca partnerstudi di fattibilitàmonitoraggio opportunitàaltro

Ho letto e accetto le condizioni stabilite dalla "privacy policy" consultabile all'indirizzo www.solveadvice.come/privacy.